Sonno negli anziani, cambia con l eta

" Il sonno negli anziani cambia nel corso del tempo: il ritmo sonno-veglia si modifica adattandosi alle esigenze di riposo dell'organismo. Scopri tutti i dettagli nel nostro approfondimento! "

Data: 30/9/16 | Vista: 971

Sonno negli anziani, cambia con l eta

Sonno negli anziani, cambia con il trascorrere del tempo

Il sonno negli anziani tende a cambiare nel corso del tempo ma se c'è una cosa che resta invariata è il bisogno di dormire. Tutti gli adulti hanno bisogno dalle sette alle nove ore di sonno ogni notte e man mano che l'età avanza diventa sempre più difficile dormire bene: ciò non significa, però, che si ha bisogno di dormire di meno. Una delle grandi sfide per un invecchiamento sano, infatti, è proprio quella di risolvere i problemi legati al sonno per permettere all'organismo di restare in buona salute più a lungo.

Continua a leggere per saperne di più e se hai bisogno di assistenza per un anziano cerca la casa di riposo o la casa famiglia più vicina a te!

Ecco come cambia il sonno negli anziani

Man mano che si diventa anziani riuscire ad addormentarsi e continuare a dormire tende a diventare più difficile a causa di una serie di ragioni che vedremo in seguito. Ma quali sono i principali cambiamenti nel sonno degli anziani? Eccone alcuni:

  • l'addormentamento richiede più tempo;

  • il sonno è meno profondo;

  • si tende a svegliarsi anche tre o quattro volte ogni notte;

  • ci si sveglia per lo stimolo ad andare in bagno;

  • il sonno non è qualitativamente soddisfacente né ristoratore;

  • si tende ad addormentarsi la sera presto e a svegliarsi la mattina presto.

Le cause alla base dei cambiamenti del sonno negli anziani

Alla base di questi cambiamenti nel ritmo sonno-veglia degli anziani ci sono numerose cause legate al nostro organismo. Queste possono variare caso per caso ma le più comuni sono le seguenti:

Ormoni

Man mano che si diventa anziani nell'organismo diminuisce la produzione di due importanti ormoni legati al sonno: la melatonina e l'ormone della crescita. Entrambi sono indispensabili per avere una migliore qualità del sonno. Nelle donne, inoltre, incidono anche i cambiamenti ormonali legati all'arrivo della menopausa: la sudorazioni notturne e i sintomi correlati rendono il sonno più difficoltoso.

Condizioni di salute

L'essere affetti da malattie croniche può incidere negativamente sulla qualità del sonno. Quelle che tendono a rendere il sonno più difficoltoso tendono a essere le seguenti:

  • l'artrite, a causa del dolore che determina;

  • il diabete o i problemi alla prostata, determinano la necessità di alzarsi spesso per andare in bagno;

  • malattie cardiache o vascolari, possono determinare risvegli improvvisi causati da difficoltà respiratorie o da cambiamenti della frequenza cardiaca;

  • malattie neuro-degenerative (morbo di Parkinson o Alzheimer), possono causare ansia e interferire con il sonno.

Riuscire ad analizzare le cause che sono alla base della difficoltà del sonno negli anziani può permettere di affrontarle a meglio per poter garantire loro un sonno notturno più soddisfacente e una migliore qualità della vita.

Hai bisogno di assistenza per un anziano? Cerca la casa di riposo o la casa famiglia più vicina a te!

Contatta le strutture della tua zona!

Invia una richiesta di assistenza per la persona anziana alle strutture della tua zona e sarai ricontattato in pochi istanti per informazioni sui costi e servizi. Cosi potrai scegliere la soluzione migliore per te!

  • Inserire solo numeri o spazi
  • Inserire una email valida tipo email@nomedominio.it

"Sonno negli anziani, cambia con l eta "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su